il convegno dagli OPG alle REMS di Biancavilla(CT)

Concluso a Biancavilla (CT) il convegno dagli OPG alle REMS.

Il dott. Gaetano Interlandi, sulla scia dei precedenti convegni che Psichiatria Democratica aveva organizzato a Caltagirone sia prima della chiusura degli OPG, nel 2011, che dopo nel settembre del 2015 (la Rems a Caltagirone è stata attivata il 30 Aprile 2015), ha organizzato, insieme all’Ass. ”Cenacolo Cristo Re” di Biancavilla, il convegno “Rems in Sicily. Valutazione dei primi cinque anni della legge 81/2014 di chiusura degli OPG e di attivazione delle REMS in Sicilia. Vantaggi e criticità”. Al convegno hanno partecipato i vertici della Magistratura e della Sanità catanese, il Presidente del Tribunale di Sorveglianza dott. C. Giongrandi, e il Direttore Sanitario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catania, dott. A. Rapisarda, oltre a numerosi operatori dei Servizi pubblici e privati, circa 80 operatori. Il Sindaco di Biancavilla, dott. A. Bonanno, ha pGaetano Interlandi e Giuseppe Ortanoortato i saluti della Città.

Al momento, nelle REMS attive in Italia, sono internate 629 persone, di cui oltre il 30% in misura di sicurezza provvisorie. Mentre le persone in lista di attesa sono 603, molte concentrate nel Sud Italia. Continue sono le richieste di aumentare i posti letto REMS.

Come Psichiatria Democratica (PD), il dott. Giuseppe Ortano, ha ribadito che nello spirito della legge 81/2014 le REMS dovrebbero costituire l’extrema ratio ed accogliere misure di sicurezza definitive e solo quando non sono possibili alternative. Sicuramente, è stato sottolineato che le REMS non devono essere considerate come mero sostituto delle funzioni degli ex OPG.

Per questo, a parere di PD, è fondamentale la costante collaborazione tra DSM e Giudici nell’attuare i Protocolli Operativi adottati dal Consiglio Superiore della Magistratura nel settembre del 2018, Protocolli per i quali, come è noto, Psichiatria democratica si è caparbiamente battuta offrendo collaborazione ed avanzando proposte, e che prevedono che per ogni singolo paziente - sin dalla notizia di reato - si attivi un progetto riabilitativo personalizzato, concordato tra Sanità e Giustizia. Il convegno è stato connotato dalla positività ed entusiasmo degli operatori che si occupano della cura e riabilitazione dei pazienti psichiatrici autori di reato.

All’incontro hanno portato la loro testimonianza anche che hanno raccontato le loro storie, e di come l’esperienza comunitaria abbia inciso positivamente nella loro esistenza. Il convegno ha avuto una grande affluenza di pubblico e ha segnato l’inizio di un dialogo multidisciplinare, nella comprensione e trattamento delle persone con malattia mentale, autori di reato, segnalando, altresì, tutte le criticità da affrontare nel percorso di presa in carico.

Psichiatria Democratica ritorna a Ventotene

 

Clip 1

10 Ottobre Giornata mondiale della Salute Mentale

PSICHIATRIA DEMOCRATICA RITORNA A VENTOTENE

Il 10 ottobre 2019 Psichiatria Democratica torna a Ventotene per la Giornata Mondiale della Salute Mentale.

Clip 8

 A un anno dall’inizio di un percorso che ci ha portato ad affiancare gli abitanti dell’isola in coinvolgenti incontri mensili, saremo di nuovo sull’isola. Al termine dell’incontro con gli abitanti, proietteremo un filmato che racconta questa storia condivisa e affideremo a una colorata mongolfiera l’impegno per una Salute Mentale libera dai pregiudizi e dall’esclusione

.

 

benessere psicologico in campania 14-19 ottobre

 

WhatsApp Image 2019-10-07 at 09.22.25

le dieci piume 25 ottobre

WhatsApp Image 2019-10-07 at 09.21.06

La scomparsa di Luciano Sorrentino

Il compagno Luciano Sorrentino è venuto a mancare ieri, a Torino...

L'immagine può contenere: 1 persona, occhiali, occhiali_da_sole e primo pianoMedico Psichiatra, Dirigente di Psichiatria Democratica, già direttore del DSM di Torino, collaboratore e amico del Prof. Agostino Pirella, è stato convinto sostenitore della rivoluzione basagliana e ne ha promosso la diffusione in Europa...

Era allegro, napoletano d'origine e un po' anche americano per i suoi studi.

lntellettuale acuto e attento ai processi sociali è stato protagonista di pratiche innovative nel campo della Salute mentale come fu per lo straordinario successo delle "case supportate"...

Un abbraccio ai due figli di Luciano e uno a te "Compagno Luciano"...

La contenzione non è un atto terapeutico

La contenzione non è un atto terapeutico
e non può più essere consentita.
 

La drammatica morte di una giovane donna a Bergamo ripropone a noi tutti, operatori della Salute Mentale, la responsabilità di impedire la pratica violenta della contenzione fisica nell'affrontamento della crisi... Si ripetono da tempo gli episodi di maltrattamenti e di eventi tragici nel corso di TSO come di decessi nel corso di contenzioni fisiche: gli uni e gli altri non sono rubricabili come effetti collaterali o fenomeni avversi di protocolli di cura. Sono, bensì, l'esito di modalità di trattamento della crisi psicotica che rinunciano all'incontro con l'altro che tutti potremmo essere, con l'altro che non riconosciamo più come umano, e dunque nostro, e che abbiamo ripreso  a sentire come diverso, estraneo e quindi pericoloso (e la volontà e responsabilità politica di questa attualissima regressione culturale e sociale non sono certamente  estranee a questi accadimenti). 
La deriva manicomiale di queste pratiche coercitive nell'ambito della sanità pubblica non può essere oltremodo sopportata, subita o consentita. Psichiatria Democratica continuerà a lottare perché gli operatori della Salute mentale abbiano le risorse per riaffermare che un altro modo di affrontare la crisi sia sempre possibile e che vengano rispettati i diritti delle persone sottoposte a ricoveri in regime ospedaliero. Il nostro impegno è  impedire che le pratiche di salute mentale che ci hanno liberato dal manicomio siano sostituite da una psichiatria estranea all'umano. 

Salvatore di Fede Segretario Nazionale di Psichiatria Democratica

 

incontro di PD con Commissione Sanità Regione Campania

unnamed

Comunicato Stampa

Psichiatria Democratica incontra i componenti la Commissione Sanità del Consiglio Regionale della Campania.

Giovedi  27 giugno una delegazione di Dirigenti di Psichiatria Democratica (PD), i dottori SalvatoreDi Fede, Emilio Lupo e Giuseppe Ortano, è stata ricevuta dai componenti la Commissione Sanità del Consiglio regionale della Campania, a seguito di una  richiesta di incontro da parte di PD preoccupata per il progressivo depauperamento delle risorse a disposizione dei Dipartimenti di Salute Mentale (DSM) campani.

Leggi tutto: incontro di PD con Commissione Sanità Regione...

premio nazionale Don Peppe Diana

WhatsApp Image 2019-07-03 at 09.41.35

4 Luglio 2019

DON DIANA DAY

Premio Nazionale “DON PEPPE DIANA”

Casa Don Diana  ore  18,00 - Casal di Principe

 

visualizza il programma

arte contemporanea a Scampia

 

arte contemporanea

 

11a Edizione del Simposio

d'arte contemporanea

internazionale di Scampia

 

visualizza il programma

 

dichiarazione finale della Conferenza nazionale sulla salute mentale

 

dichiarazione

 

Conferenza Nazionale

per la Salute Mentale

 

leggi la dichiarazione finale

 

promuoviamo la salute mentale di comunità

rompiamo

scarica il programma

le dieci piume

10piume-rid

tornano i manicomi?

TORNANO I MANICOMI A VENEZIA E NEL VENETO?

Corriamo il rischio che ritornino i manicomi? Basaglia non lo escludeva.

di Guido Pullia

A Venezia c’è una storia di cultura anti istituzionale, e specificatamente antimanicomiale, che si è diffusa solo in pochissime altre sedi del Veneto. La legge del 1904 che ha preceduto la 180/833 definiva i manicomi come i luoghi di custodia e cura in cui collocare, per lo più per tutta la vita, le persone prive di mezzi “pericolose a sé e agli altri e di pubblico scandalo”. Quindi le due funzioni riconosciute alla psichiatria erano: il controllo sociale (vedi caso, dei poveri) e la difesa della pubblica decenza, che precedevano la cura, la quale si limitava per lo più ad essere cura del corpo. Al centro della cultura antimanicomiale c’è il riconoscimento dell’ incompatibilità dei due termini: cura e custodia, a meno di non effettuare il loro rovesciamento conferendo priorità assoluta alla cura.

Leggi tutto: tornano i manicomi?

convegno sulla marginalità a Bressanone

bressanone

scarica il programma

l'arte della cura

Presentato a Pompei il libro sulla Scuola Medica Salernitana

 

“L’arte della Cura”
di Ilenia Tamburo

segui il link

il minore nella criminalità organizzata

 

form pd

Psichiatria Democratica
Cantiere per la formazione

Il minore nella criminalità organizzata: tra vittima e persecutore””

Napoli, 31 Maggio 2019

 

CORSO DI AGGIORNAMENTO ECM

scarica

 scarica il depliant del programma

  il modulo d'iscrizione pdf 
  compila iscrizione on line